ColorChecker: THE ULTIMATE GUIDE (2/3 training video)
ColorChecker Passport: the best way to shoot it to obtain perfect colours quickly on your photographs
Publication date: 11 October 2019 - Update date: 31 March 2020
Written by Marianna Santoni
What will you learn from this article:
    ColorChecker: how to shoot it
    In this tutorial I take you a step further into colour management and explain how you should shoot a ColorChecker Passport to get perfect colours on your pictures.

    This video is the first of a series that X-Rite® commissioned to me in 2019 and 2020 asking me to explain colour management using a simple and practical language.

    This video series is aimed at professional photographers, beginners and anyone involved in digital imaging using software such as Photoshop®, Lightroom®, Camera RAW®, Capture One® ... and many more.

    X-Rite Pantone® is a world leading company in colour management, measurement, and control. Offering hardware, software, services, and more, we help you get colour right.

    Do you want to write or
    ask me something?
    Comments
    Marta D’Avenia 06/07/2020 16:41

    Ciao Marianna,
    grazie davvero per questi video illuminanti, chiari, precisi e pratici... C'è già la terza parte della guida completa al Color Checker? non la trovo.

    Grazie
    Marta

    Detlev Danner 03/06/2020 10:32

    Ciao Marianna,

    erano diversi anni che ci giravo intorno, non mi ero mai deciso a prenderlo, ma dopo aver letto il tuo articolo, mi sono convinto e l'ho acquistato. E' arrivato stamattina. Purtroppo non ho potuto usare il tuo Link perché in Svizzera Amazon non consegna, se non libri. Prediligo la fotografia sportiva, dove non sono sicuro mi potrà aiutare più di quel tanto. Ma mi aiuterà in molti altri frangenti.

    Marianna Santoni 03/06/2020 10:53
    Ciao Detlev, grazie per questo bel messaggio così pieno di gentilezza.
    Sono certa che il ColorChecker regalerà anche a te grandi soddisfazioni.
    Ti auguro ogni bene.
    M
    Carlo Marrazzo 25/03/2020 15:50
    Ciao Marianna,
    Complimenti per il video! Avrei una domanda, è opportuno profilare le fotocamere ogniqualvolta andiamo a realizzare un servizio fotografico ed ogni volta che le situazioni di luce variano?

    Grazie!
    Marianna Santoni 25/03/2020 17:24
    Ciao Carlo, grazie del messaggio.
    Il Colorchecker va scattato ogni volta che cambiano le condizioni di luce sulla scena e sul soggetto. Nel video in alto in questa pagina puoi vedere un esempio relativo proprio al matrimonio, lo trovi al minuto 4:43.

    Considera che il Colorchecker puoi usarlo in due modi: per bilanciare il bianco e per creare il profilo colore della tua fotocamera.
    Per trarre il meglio da queste due modalità il mio consiglio è il seguente:
    - nella maggior parte delle situazioni con dominanti lievi puoi cavartela in modo veloce in post-produzione facendo clic con lo Strumento bilanciamento del bianco sulla seconda tacca grigio chiaro del Colorchecker;
    - nei casi specifici in cui invece una certa luce ha dominanti più forti (per le quali il bilanciamento del bianco non basta) oppure nei casi in cui desideri riprodurre i colori in modo esatto, potrai creare un profilo specifico per la tua fotocamera e raggiungere risultati ottimi anche in situazioni critiche.

    Nelle righe seguenti scendo più nel dettaglio.
    Considera che la creazione di un profilo per la tua fotocamera non è indispensabile in tutti i generi fotografici e in tutte le condizioni di luce, mentre bilanciare il bianco è sempre fondamentale… lo è perfino quando le tue intenzioni sono quelle di essere iper creativo con i colori di una foto e desideri cromie molto personali e interpretative: in post-produzione devi sempre partire da una foto ben bilanciata cromaticamente.

    Creare un profilo con il Colorchecker è fondamentale sempre solo quando hai bisogno di ottenere colori perfettamente corrispondenti alla realtà, mi riferisco in particolare ai servizi fotografici relativi ad esempio a foto di prodotto o opere d'arte.
    In foto di reportage come il matrimonio o le foto naturalistiche io consiglio di usare il Colorchecker per bilanciare il bianco più facilmente e limitarsi a creare il profilo solo nelle condizioni in cui la luce è più estrema e può crearti seri problemi in fase di correzione: mi riferisco in particolare a situazioni tipo il colore molto caldo di un tramonto o di un lampione o le luci sature dei fari colorati nelle sale da ballo oppure la luce blu intenso del crepuscolo. In queste situazioni con dominanti "estreme" il Colorchecker ti semplifica decisamente la vita.

    Questo tipo di situazioni cromaticamente più critiche in post-produzione si gestiscono in modo ottimale seguendo questo metodo: prima si bilancia bene il bianco e (se possibile) si neutralizzano i colori creando il profilo della fotocamera con il Colorchecker. Solo dopo si riporta nell’immagine la dominante desiderata usando vari controlli disponibili in ogni software di sviluppo dei file RAW e in Photoshop®. In questo modo il risultato è credibile, piacevole e di grande atmosfera. Diversamente, se non si parte da colori neutralizzati, si ottengono colori posterizzati, completamente piatti che privano la foto di ogni tridimensionalità e atmosfera.

    Se invece scatti lo stesso servizio fotografico con diverse fotocamere ti consiglio di creare sempre un profilo per ogni luce con ciascuna fotocamera perchè è il modo più semplice per avere gli stessi colori con fotocamere di diversa marca e/o modello.

    Fammi sapere se ti sono stata utile.
    Un carissimo saluto.
    M.
    Carlo Marrazzo 25/03/2020 23:37
    Ciao Marianna,
    Grazie mille per avermi risposto!
    Penso hai centrato in pieno la risposta alla mia domanda!
    Se ad esempio scatto un evento con due fotocamere entrambe Nikon ma modelli differenti consigli quindi di creare più profili a seconda delle scene giusto?
    Sul web ho letto che in alcuni casi consigliavano di creare un profilo a doppio illuminante per entrambe le macchine pensi sia una buona soluzione oppure è sconsigliato?

    Grazie
    Marianna Santoni 25/03/2020 23:46
    Ciao Carlo,
    se scatti con 2 o più fotocamere della stessa marca, perfino dello stesso modello, potresti notare differenze più o meno significative tra loro. Se le fotocamere appartengono ad una diversa fascia di prezzo e o età di produzione le differenze si fanno più significative.

    Se questa differenza è significativa puoi risolverla bene creando il profilo con il Colorchecker per ciascuna fotocamera ogni volta che variano le condizioni di luce. Se invece ti rendi conto che le differenze sono minime (o comunque irrilevanti in un reportage) puoi limitarti a utilizzare il Colorchecker per bilanciare il bilanciamento del bianco in post-produzione usando lo scatto che avrai fatto con il Colorchecker al variare delle fonti di luce con ogni tua fotocamera. In questo caso non servirà creare anche il profilo.

    Il profilo con il doppio illuminante funziona in situazioni in cui le due tipologie di luce prese in considerazione hanno una forte differenza tra loro. Il punto è che in un matrimonio hai almeno 5-8 diverse condizioni di luce diverse per cui non risolve il tuo problema.
    Carlo Marrazzo 27/03/2020 20:37
    Ciao Marianna,

    Grazie mille per la risposta, oltre ad essere gentilissima sei stata super chiara nella risposta.

    Grazie :)
    Do you want to write or
    ask me something?
    DO YOU WANT TO STAY UPDATED ON THE NEXT TUTORIALS?
    SIGN IN

    Follow me on...

    I am still learning,
    because the subject of study
    always seems in process.

    MARIANNA SANTONI
    PHOTOSHOP®
    Certified Expert
    PHOTOSHOP®
    Certified Instructor
    WACOM®
    Evangelist
    X-RITE®
    Coloratti Master
    CANSON® INFINITY
    Ambassador
    ELINCHROM®
    Ambassador
    EIZO®
    Ambassador
    PHOTOSHOP®
    Certified Expert
    PHOTOSHOP®
    Certified Instructor
    WACOM®
    Evangelist
    X-RITE®
    Coloratti Master
    CANSON® INFINITY
    Ambassador
    ELINCHROM®
    Ambassador
    EIZO®
    Ambassador

    Follow me on...