ColorChecker: THE ULTIMATE GUIDE (1/3 training video)
ColorChecker: why and when you can use it to obtain perfect colours quickly on your photographs
Publication date: 30 September 2019
Written by Marianna Santoni
What will you learn from this article:
    ColorChecker: why and when you can use it
    In this tutorial I take you a step further into colour management and explain why and when you can use a ColorChecker Passport Photo 2 to get perfect colours on your pictures.

     

    This video is the first of a series that X-Rite® commissioned to me in 2019 and 2020 asking me to explain colour management using a simple and practical language.

    This video series is aimed at professional photographers, beginners and anyone involved in digital imaging using software such as Photoshop®, Lightroom®, Camera RAW®, Capture One® ... and many more.

    X-Rite Pantone® is a world leading company in colour management, measurement, and control. Offering hardware, software, services, and more, we help you get colour right.

    Do you want to write or
    ask me something?
    Comments
    Romina Bettega 08/05/2020 23:27

    Gentile Marianna,
    io fotografo opere d'arte e da sempre uso il ColorChecker, che utilizzo nello sviluppo del RAW per il bilanciamento del bianco. Lavoro poco, o per niente, con Color Grading, perchè è un tipo di fotografia che deve essere fedele il più possibile all'originale, ma le correzioni colore selettive sono fondamentali per rendere alcuni colori - in particolare certe sfumature di rosso e di blu, tipo il blu Klein - che sono quelli che poi hanno problemi in fase di stampa. Per velocizzare queste correzioni vorrei utilizzare il software ColorChecker Camera Calibration, c'è un tutorial che lo tratta? Se poi fosse possibile partecipare ad una delle sue lezioni mi farebbe molto piacere.
    Grazie molte, un caro saluto

    Romina

    Marianna Santoni 09/05/2020 11:51

    Ciao Romina, grazie per aver letto il mio blog e per la tua fiducia.
    In merito al tuo dubbio principale ho una buona notizia: a brevissimo uscirà qui nel blog un nuovo tutorial proprio sull'utilizzo del software ColorChecker Camera Calibration.
    Intanto ne approfitto però per aiutarti aggiungendo qui due parole in più sui colori speciali: per ottenere e stampare colori critici è indispensabile usare in stampa un quinto inchiostro Pantone®.

    Nel caso ad esempio del colore International Klein Blue, che è un blu medio scuro molto saturo. Il colore Pantone® che più si avvicina è il PANTONE 18-3949 TPG Dazzling Blue (cioè blu abbagliante). Il codice esadecimale che si avvicina di più è il #002fa7. Si tratta di un colore RGB composto da 0% rosso, 18,4% verde e 65,5% blu. Mentre in uno spazio colore CMYK, è composto da 100% ciano, 71,9% magenta, 0% giallo e 34,5% nero. Il colore websafe più vicino è: #003399.

    Se parliamo invece il color grading si tratta di una tecnica che ha a che fare con l'interpretazione personale e creativa dei colori, ma c'è da dire che le tecniche usate per selezionare parti della foto in modo impeccabile e per applicare un certo specifico colore possono essere usate anche da chi ha bisogno di riprodurre un colore in modo esatto. Insegno questa tecnica da diversi anni nell'ambito del mio percorso formativo su Photoshop® e lo insegno a partire dallo sviluppo dei file in formato RAW.
    Grazie per il tuo messaggio e per seguire questo blog.
    M.

    Luigi Tanganelli 04/05/2020 15:31

    Carissima Marianna,
    nella fotografia naturalistica e nel landscape, scattando in Raw, é utile il ColorChecker per ottener i colori più fedeli possibili all'immagine? E dopo in Post Produzione come é meglio intervenire per creare una dominante che rispetti fedelmente l'atmosfera del momento? Generalmente lo scatto avviene durante la Golden Hour o la Blue Hour e la situazione di luce cambia repentinamente.
    Grazie mille, un carissimo saluto!
    Luigi

    Marianna Santoni 06/05/2020 12:24

    Ciao Luigi carissimo,
    grazie per aver letto questo articolo e per la tua domanda.
    Non c'è un solo ambito della fotografia in cui il ColorChecker non possa essere d'aiuto per il colore... quindi può darti una mano importante anche nella fotografia naturalistica e di paesaggio.
    Il flusso di lavoro per il colore che ti consiglio per il tuo genere fotografico è questo:

    1. scatta in formato RAW usando il ColorChecker. Se sei in una fascia oraria nella quale la luce cambia rapidamente scatta il ColorChecker all'inizio e alla fine della tua sessione fotografica (se usi tempi di scatto molto lunghi ti consiglio di farlo all'inizio e alla fine di ogni scatto);
    2. in post-produzione usa il ColorChecker per bilanciare il bianco e per creare il profilo di correzione del colore per la tua fotocamera e la fonte di luce specifica in cui ti trovavi. Se hai a che fare con foto scattate in una fascia oraria nella quale la luce cambia rapidamente puoi eventualmente ripetere la procedura 2 volte (per il ColorChecker scattato all'inizio e alla fine) e poi, eventualmente, fare una media dei valori di Temperatura e Tinta relativi ai cursori del Bilanciamento del bianco;
    3. una volta corretto il colore in questo modo puoi poi passare alla tua interpretazione personale dei colori usando gli strumenti che preferisci: se desideri semplicemente scaldare o raffreddare un poco i colori della foto seguendo un approccio comunque realistico puoi fare clic con lo Strumento bilanciamento del bianco nelle patch colorate calde o fredde presenti sul ColorChecker (si tratta della tabella a 26 colori per personalizzazioni creative di cui parlo nel video sopra al minuto 4:51). Se invece desideri applicare veri e propri viraggi cromatici unici e distintivi ti consiglio di creare prima una palette cromatica e di applicarli poi in fase di sviluppo del RAW o in Photoshop a seconda della complessità richiesta dalla palette che hai scelto.

    Se vuoi approfondire di più questa tecnica ne parlo in questa intervista che mi ha fatto EIZO® pochi giorni fa e nel mio percorso formativo su Photoshop® che tengo in scassi a numero chiuso.
    Non è facile chiarire tutto in un forum, ma spero di esserti stata utile rispetto ai dubbi che avevi.
    Ti mando un carissimo saluto e ti auguro tutto il meglio.
    M.

    Fanni Fazekas 08/04/2020 11:50

    Buongiorno Marianna,
    Sto facendo per un breve periodo un lavoro presso una Fondazione d'arte Moderna e Contemporanea.
    Sto controllando tutta la documentazione fotografica dell’archivio.
    Ci sono molte fotografie scattate per documentare quadri e dipinti, ma ho dei forti dubbi in merito alla calibrazione dei colori.
    Sai dirmi se tra le proprietà di un file, una fotografia, è possibile capire se è stato applicato un profilo colore ottenuto utilizzando ColorChecker Passport?
    Magari puoi dirmi se posso ottenere questa informazione con o senza l’utilizzo di software fotografici? I file da analizzare hanno estensioni JPG o TIFF.
    Grazie

    Marianna Santoni 09/04/2020 16:12

    Ciao Fanni,
    grazie per la tua domanda qui sul blog. Quella che descrivi è una situazione che mi è stata presentata in diverse occasioni. Sono tantissime le fondazioni, i musei e i collezionisti che si preoccupano di fotografare le opere in loro possesso, ma purtroppo solo pochi hanno le competenze tecniche per poter valutare se le foto sono realizzate nel modo corretto. La fotografia delle belle arti richiede competenze specifiche che un fotografo generalista di solito non ha. La rappresentazione dei colori sbagliata è uno dei possibili problemi, ma ce ne sono tanti altri.

    Per quanto riguarda la questione che mi hai posto ti confermo che purtroppo, quando un file RAW viene salvato in .TIFF o in qualsiasi altro formato, non c'è modo di risalire al profilo applicato al RAW in fase di conversione. Questo accade sia usando Adobe® Lightroom® sia usando Adobe® Camera RAW di Photoshop®, anche nel caso in cui si sia attivato il salvataggio automatico del registro storie.
    Una volta che un file RAW viene convertito ed esportato conserva solo il profilo applicato in fase di esportazione, solitamente ProPhoto RGB, Adobe RGB (1998) or sRGB. L'unico modo di risalire al profilo creato con il ColorChecker sarebbe quello di poter avere a disposizione il RAW originale con le correzioni applicate.
     
    Per risolvere il tuo problema ti consiglio di selezionare a campione alcune opere della fondazione, scattarle nuovamente usando un ColorChecker in buono stato (non deve avere più di 2 anni e deve essere stato conservato correttamente) e poi confrontare i colori che ottieni con quelli delle foto in archivio.

    È un approccio piuttosto empirico, ma ti darà contezza del lavoro fatto in termini di affidabilità cromatica e potrà dare alla fondazione le informazioni necessarie per poter prendere una decisione su come gestire la riproduzione fotografica delle opere in futuro.

    Fanni Fazekas 16/04/2020 23:16

    Carissima Marianna,
    ti sono veramente grata per la tua cortese e veloce risposta.
    Mi sei stata di molto aiuto ed ho apprezzato molto la tua professionalità.
    Fanni

    Do you want to write or
    ask me something?

    Follow me on...

    I am still learning,
    because the subject of study
    always seems in process.

    MARIANNA SANTONI
    PHOTOSHOP®
    Certified Expert
    PHOTOSHOP®
    Certified Instructor
    WACOM®
    Evangelist
    X-RITE®
    Coloratti Master
    CANSON® INFINITY
    Ambassador
    ELINCHROM®
    Ambassador
    EIZO®
    Ambassador
    PHOTOSHOP®
    Certified Expert
    PHOTOSHOP®
    Certified Instructor
    WACOM®
    Evangelist
    X-RITE®
    Coloratti Master
    CANSON® INFINITY
    Ambassador
    ELINCHROM®
    Ambassador
    EIZO®
    Ambassador

    Follow me on...